Altroconsumo: “I diesel moderni inquinano meno degli equivalenti a benzina”
18.09.2019 - in

Altroconsumo: “I diesel moderni inquinano meno degli equivalenti a benzina”

Al Salone di Francoforte di quest’anno Volkswagen ha presentato la nuova immagine, il nuovo logo e la ID.3, l’elettrica che potrebbe avere la valenza della Golf e del Maggiolino: un voltare pagina dopo la macchina del Dieselgate. Sono passati quattro anni dallo scandalo e Altroconsumo insieme ad altre principali organizzazioni europee di consumatori e all’Adac hanno condotto dei test sulle emissioni di inquinanti e CO2 sulle auto. I risultati vengono definiti sorprendenti, ma sinceramente, quello che emerge non mi sembra niente di particolarmente innovativo, in tanti stanno già dicendo le stesse cose da parecchio tempo.

Sistemi inadeguati

Prima di tutto lo scandalo sulle emissioni ha portato alla luce l’inadeguatezza dei sistemi di controllo delle emissioni e questa non mi sembra affatto una novità. Da allora, infatti, gli standard di omologazione sono cambiati ed è anche entrato in vigore l’Euro 6D Temp che fissa limiti di emissioni più vincolanti ma anche metodi di calcolo più stringenti

I diesel moderni inquinano meno degli equivalenti benzina

Rispetto ai test condotti due anni fa da Altroconsumo la situazione tra diesel e benzina si è quasi ribaltata e oggi un buon motore diesel inquina meno di un equivalente a benzina. E che dire delle vetture ibride? Sono migliori solo se usate in città mentre sui percorsi extraurbani inquinano quanto un’auto a benzina, visto che l’apporto del motore elettrico diventa trascurabile. Ma veniamo alle auto elettriche. Già l’anno scorso il CNR aveva rilasciato il suo studio nel quale si evidenziava come le auto elettriche non siano la soluzione ma adesso anche Altroconsumo mette il suo bollino e spiega che bisogna fare riferimento all’inquinamento legato alla produzione dell’elettricità che le alimenta: se arriva da combustibili fossili non vi è un vantaggio per l’ambiente. Ecco quindi che torna il concetto di ciclo produttivo di tutta l’auto a zero emissioni per valutare effettivamente e correttamente il suo impatto ambientale. Nel nostro Paese la produzione di elettricità è frutto di un mix energetico di fonti rinnovabili e fossili per cui le migliori vetture elettriche comportano emissioni di CO2 al di sotto dei 50 g/km, inferiori a quelle delle vetture tradizionali.

La classifica di Altroconsumo

Le prove condotte da Altroconsumo portano a un punteggio Ecotest totale, ottenuto per ogni auto dalla media dei punteggi sul consumo di carburante e sulle emissioni di inquinanti.

Questa la classifica, che si commenta da sola.

image003

I test condotti da Altroconsumo comprendono tre fasi:

– controllo del ciclo di omologazione su rulli (Wltp) previsto dai test europei;
– controllo del ciclo “autostradale” per rilevare emissioni e consumi delle auto ad alte velocità, non previsto dai test europei;
– solo per le auto che hanno superato le due prove precedenti: test su strada Rde (Real driving emissions), eseguito installando sulla vettura in marcia una apposita apparecchiatura che
misura le emissioni lungo un tragitto predefinito, stabilito dalla regolamentazione europea.