Volkswagen ID.4, il SUV compatto e full electric
02.10.2020 - in

Volkswagen ID.4, il SUV compatto e full electric

Dopo ID.3, la citycar che ha aperto ufficialmente la strada al mercato full electric di Volkswagen, è finalmente arrivato anche ID.4, il primo SUV 100% elettrico che la casa di Wolfsburg lancerà su scala globale.

Stando all’ingente piano di investimenti nella e-mobility annunciato dal costruttore tedesco – che prevede anche il lancio almeno 75 modelli full electric entro il 2029 – verrebbe da dire che con questo modello “siamo solo all’inizio”. Infatti ID.4, prodotta nello stabilimento carbon neutral di Zwickau, è il secondo modello ad usufruire della piattaforma MEB, e andrà a posizionarsi nel segmento dei SUV compatti, cioè quello che ad oggi comprende la fascia di mercato più ampia.

Due versioni al lancio e 490 km di autonomia

Ma arriviamo subito al dunque: ID.4 si presenta in due versioni di lancio, ID.4 First Edition che sarà proposta a partire da 48.600 euro, e ID.4 First Edition Max, a partire da 58.600 euro. Entrambe basate su un unico motore sincrono a magneti permanenti (PSM), hanno 204 cv di potenza (ovvero 150 kW) e una coppia motrice di 310 Nm; per passare da 0 a 100 km/h impiega poco più di 8 secondi e può raggiungere una velocità massima di 160 km/h.

media-ID.4_DB2020AU01411

Nessuna differenza di motore, quindi, tra le due versioni come neppure ci sono differenze per quanto riguarda la batteria che le supporta e che stabilisce l’autonomia di guida: la batteria (che Volkswagen garantisce per 8 anni o 160 mila km) ha una capienza di 77 kWh e garantisce un‘autonomia di 490 km nel ciclo Wltp. Se ricaricata alle colonnine a corrente continua, alla batteria bastano appena 30 minuti per recuperare un’autonomia di 320 km.

Numerosi i sistemi di assistenza alla guida, come i sensori di parcheggio acustici (di serie su entrambe) che includono una funzione automatica di frenata in fase di manovra. Poi ancora, il Lane Assist per il mantenimento di corsia, l’assistente alla frenata d’emergenza Front Assist con funzione di frenata in curva, e sistema di assistenza nelle manovre di scarto e regolatore automatico della distanza ACC  stop & go, con limitatore della velocità. C’è anche il Travel Assist, che regola la distanza dal veicolo che precede e mantiene l’auto al centro della corsia, e il Side Assist, che avvisa se si sta per fare un cambio corsia non proprio in sicurezza.

media-ID.4_DB2020AU01409

Tanta tecnologia di serie

A caratterizzare le due versioni sono soprattutto le dotazioni tecnologiche, come ad esempio alcuni altri ADAS o i gruppi ottici a LED 3D, che sulla Max sono offerti di serie e hanno gli indicatori di direzione dinamici; o ancora il display touchscreen della plancia, da 10 pollici sulla First Edition e da 12″ sulla First Edition Max. C’è poi l’interfaccia telefonica Comfort che porta lo smartphone del guidatore sul sistema di bordo, anche questo proposto come optional sulla prima versione e di serie sulla Max.

Infine, per entrambe le versioni sono disponibili quattro tinte: Blue Dusk Metallic, Glacierwhite Metallic, Honey Yellow Metallic e Mangangrey Metallic, e sempre per gli esterni c’è in più anche il pacchetto Style con abbinamenti argento e nero.