Extreme E: la sfida Rosberg vs Hamilton diventa elettrica
10.04.2021 - in

Extreme E: la sfida Rosberg vs Hamilton diventa elettrica

Il weekend di Pasqua in quel di Al-Ula, in Arabia Saudita, si è disputata la prima tappa del nuovo campionato off-road 100% elettrico Extreme E, che vede coinvolti equipaggi composti da un uomo e una donna. Lo spettacolo non è mancato e qualcuno in verità è anche riuscito a togliersi qualche sassolino dalla scarpa. Parliamo niente po’ po’ di meno che di Nico Rosberg…

Come in un vecchio film che si ripete, la sfida Rosberg vs Lewis Hamilton è proseguita anche qui, in uno degli angoli più remoti del pianeta. L’ex campione di F1 tedesco, ora proprietario del team Rosberg X Racing, con i piloti Molly Taylor e Johan Kristoffersson, si è aggiudicato il primo Desert X Prix della storia, battendo, anche se in maniera indiretta, il team X44 dell’ex compagno di scuderia amico-nemico Lewis.

Extreme E: grandi nomi per grandi sfide

In Arabia Saudita ha esordito un nuovo concetto radicale di corse elettriche a bordo di questi SUV 100% amici dell’ambiente. Personalmente mi hanno incuriosito tantissimo e sono riusciti a tenermi incollata alla tv. Forse il format del weekend non è proprio dei più semplici da interpretare, più facile a vedersi che a dirsi.

I nomi che contribuiscono a rendere grande questo progetto, in pole position per la parità di genere e per la difesa dell’ambiente, sono davvero tanti. Oltre a Rosberg e Hamilton, che in realtà stanno dietro le quinte da buoni Team Principal, sono diversi i campioni che continueranno a sfidarsi per il resto della stagione.

La sfida non è soltanto contro il cronometro, ma anche e soprattutto contro sé stessi e le condizioni climatiche. Si, perché se la prima gara si è corsa del deserto, la prossima (in programma il weekend del 29 e 30 maggio), vedrà i piloti gareggiare all’Ocean X Prix a Lac Rose in Senegal.  

Tra gli outsider, oltre ai vincitori del primo round, troviamo ad esempio Sébastien Loeb affiancato da Cristina Gutiérrez per il team X44, il pluricampione Dakar Carlos Sainz con Laia Sanz a bordo della vettura dell’ACCIONA Sainz XE Team e non solo…

Stéphane Sarrazin insieme a Jamie Chadwick, vincitrice della prima stagione del campionato al femminile W Series. Tra gli altri anche una “vecchia” gloria di F1, l’inglese Jenson Button, in coppia con Mikaela Åhlin-Kottulinsky. E i partecipanti non sono certo finiti qui, potete scoprire tutto sui piloti, i 9 team (tra cui anche la ABT Cupra XE) e le tappe del campionato Extreme E sul sito ufficiale https://www.extreme-e.com/

La sfida “extreme” di Continental

Il fornitore ufficiale degli pneumatici, nonché Founding Partner di Extreme E è Continental. La prima prova del campionato era attesa con ansia, ma i vertici dell’azienda si sono detti particolarmente soddisfatti del comportamento delle loro CrossContact Extreme E, sviluppate appositamente per questo campionato.

Ecco il commento dopo la gara di Sandra Roslan, responsabile del progetto Extreme E per Continental:

“Siamo rimasti sbalorditi dalle gare e dalle immagini mozzafiato. Siamo soddisfatti delle prestazioni degli pneumatici che i nostri ingegneri hanno sviluppato appositamente per i nove team. Il CrossContact Extreme E ha funzionato in modo eccezionale, affrontando con ottime performance anche le difficili condizioni del deserto.

La rapidità di accelerazione di cui sono stati capaci gli pneumatici è stata impressionante, se si considera la difficoltà del fondo sabbioso morbido e profondo. Inoltre, gli pneumatici sono riusciti a convertire perfettamente la potenza aggiuntiva degli hyperboost in spinta”.

 

I mezzi giusti ci sono, gli pneumatici e i piloti pure…non resta che attendere con ansia il prossimo appuntamento in Senegal.