Hyundai Tucson GO! l’auto dei Mondiali di calcio 2018
11.07.2018 - in

Hyundai Tucson GO! l’auto dei Mondiali di calcio 2018

E’ stato recentemente pubblicato lo U.S. Initial Quality Study (IQS)SM 2018 di J.D. Power, che misura la qualità iniziale dei veicoli sulla base del numero di problemi riscontrati dai clienti durante i primi 90 giorni dall’acquisto. Hyundai si è classificata al secondo posto tra i costruttori generalisti e al terzo posto in classifica generale. Il risultato del brand è migliorato in maniera consistente negli ultimi anni con 6 posizioni guadagnate rispetto al 2017. Hyundai Tucson, best-seller in Italia, è risultato il più affidabile tra i SUV di segmento C. Abbiamo avuto in prova per un long test drive la Hyundai Tucson GO! con pacchetto Sound 1.7 CRDi da 141 cv, trazione anteriore e cambio automatico a doppia frizione da 7 marce. Si tratta di una versione introdotta a listino da poco, per celebrare la partnership ufficiale del brand coreano con FIFA, in occasione dei mondiali di calcio…certo darla a me che sono l’anti-calcio per definizione è stata una bella sfida: ecco com’è andata.


Look

Disponibile in abbinamento a tutte le motorizzazioni ad eccezione del motore d’ingresso 1.6 GDI, sostituisce l’allestimento Xpossibile e ha diversi dettagli estetici che la caratterizzano, come i cerchi da 19” con un design dedicato, gli interni neri con cuciture blu e le finiture “Dark Silver” a cui si aggiungono gli specchietti retrovisori neri ripiegabili elettricamente e i vetri posteriori oscurati, che io trovo comodissimi: chi ha bambini piccoli può evitare di usare quegli orribili oscuranti con tutte le forme kitsch e, per tutti gli altri, un ottimo aiuto in caso di sole, oltre che per mantenere un po’ di sana privacy, che oggi ormai non ci appartiene più! Lunga 4,475 m è imponente e mi dà una grande sensazione di robustezza e concretezza. Questo colore Champion Blue non mi ha lasciato indifferente, è sicuramente una tinta che è nelle mie corde…viste anche le scarpe!

20180702_185453-01

Comfort

Quando mi sono seduta ho apprezzato moltissimo il fatto che le possibilità di regolare il sedile elettricamente sono praticamente infinite. Si tratta di un optional che è inserito nel Leather Pack, al costo di 1.500 euro ma, oltre a questo, comprende i sedili in pelle e il volante riscaldabile, altro dettaglio prezioso, naturalmente non con queste temperature! Di serie ci sono anche i sensori di parcheggio posteriori, le luci posteriori a LED e la Smart Key con il pulsante di avviamento “start button”. L’auto è grande e confortevole per tutti gli occupanti sia davanti che dietro e il bagagliaio da 513 litri (arriva fino a 1.503 abbattendo i sedili) è molto capiente…

20180702_182627-01

Potete anche aggiungere il Sound Pack che, con 2.600 euro, vi offre i sensori di parcheggio anteriori, i sedili anteriori e posteriori riscaldabili e una serie di altri dettagli come i fari anteriori a LED. Ma quello a cui assolutamente non rinuncerei è il tetto elettrico panoramico: è vero che costa 1.200 euro ma andare in giro “aperti” non ha prezzo e sapete che io sono sensibile a questo aspetto!

20180702_183005-01

Tecnologia

Di serie il sistema di navigazione con display touchscreen TFT LCD da 8” e la connettività Apple CarPlay e AndroidAuto, come anche il sistema di mantenimento della corsia, il sistema di riconoscimento dei limiti di velocità e il cruise control che però non è adattivo ed è un peccato, visto che ormai viene offerto in diversi modelli dello stesso segmento. Col Safety Pack da 1.100 euro aggiungerete il sistema di monitoraggio degli angoli ciechi, il Rear Cross Traffic Alert per avvisare di eventuali veicoli, pedoni o altri oggetti che possono portare ad una collisione se l’auto si mette in movimento e il sistema di assistenza anti-collisione frontale con riconoscimento veicoli e pedoni. Ma il dettaglio da 10 e lode è la bussola sullo specchietto retrovisore, che a me piace un sacco.

20180702_181839-01

Carattere

Mi sarei aspettata tutta un’altra guidabilità da un’auto di queste dimensioni, che pesa a vuoto 1.470 chili e invece sono rimasta sorpresa dalla piacevolezza di guida. Assolutamente positiva l’esperienza di questo motore che è risultato silenzioso, elastico e proprio brillante. Di serie il Drive Mode Select con modalità Normale e Sport: questa possibilità vi permetterà di togliervi qualche soddisfazione un po’ più corsaiola, specialmente dal punto di vista delle cambiate, che risultato più veloci e reattive e dello sterzo che diventa più pronto e progressivo. Rimane comunque un’auto per famiglie con il comfort che è senz’altro l’elemento principale. Si viaggia bene sia in autostrada che in città, dove rotaie e pavè milanesi sono ben attutite dalle sospensioni della Tucson. Buoni i consumi, anche se, nel ciclo medio combinato non sono riuscita ad arrivare ai circa 20 km con un litro dichiarati dalla casa e sono rimasta intorno ai 14/15 km/l. Complessivamente direi un ottimo rapporto qualità/prezzo visto che la versione in prova costa 28.550 euro. Insomma, anche una come me, a cui non interessa nulla dei mondiali di calcio, apprezza molto questa versione! 😉

Scheda tecnica

Motore: 4 cilindri in linea
Cilindrata: 1.685 cc
Cambio: Automatico doppia frizione 7DCT
Potenza massima: 141 cv e 340Nm di coppia
Consumo dichiarato (ciclo combinato): 4,9 l/100 km
Emissioni: 129 g/km
Trazione: anteriore
Peso a vuoto: 1.470 kg
Volume bagagliaio: 513/1.503
0-100 km/h: 11,5"
Prezzo di listino: 28.550 euro