Nissan Qashqai: il crossover che si “autoprotegge”
23.06.2021 - in

Nissan Qashqai: il crossover che si “autoprotegge”

Dopo la prima generazione che ha creato il segmento, e la seconda che ha portato in dote un design e una tecnologia più avanzata, ora arriva la terza in cui Qashqai arriva elettrificata, diventando un vero gioiello di sicurezza, in grado di autoproteggersi… vediamo come!

Come cambia Nissan Qashqai

Rispetto alle dimensioni Qashqai raggiunge una lunghezza di 4,425 metri e un’altezza di 1,625 metri.

I dettagli ritraggono il design caratteristico di Nissan, in particolare nella griglia V-Motion e nel tetto sospeso. Oggi il passo è più lungo, con nuovi cerchi da 20 pollici e linea di cintura più marcata per un aspetto più muscoloso e imponente.

Progettato presso il Nissan Design Europe, nel centro di Londra, il crossover Nissan ha un aspetto imponente, caratterizzato da linee esterne più affilate e nette, che danno luogo a superfici pulite e moderne.

Piattaforma nuova: i plus

La nuova piattaforma CMF-C dell’Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi ha permesso di migliorare notevolmente la dinamica: grazie a una scocca più rigida del 48% e più leggera di oltre 60 chili, con l’adozione dell’alluminio leggero. Questo, inoltre, significa avere nuovi punti di forza a bordo, come il passo allungato di  20 mm, con un bagagliaio più ampio di 74 litri per un totale di 504 litri. Non male!

Nissan Qashqai è dotata di sospensioni McPherson, in grado di assorbire la maggior parte delle irregolarità del manto stradale, riducendo le vibrazioni durate la marcia, e garantendo un’ottima tenuta di strada.

Tecnologia da premium!

La terza generazione di Qashqai è equipaggiata con l’aggiornamento della tecnologia ProPILOT, che assiste il guidatore in un numero sempre più ampio di situazioni. Il sistema è stato progettato per ridurre l’affaticamento e lo stress di chi è al volante: ovviamente garantire protezione!

Il radar oggi ha un raggio più lungo e vede “prima” anche davanti alla macchina che ci precede, quindi rallentando più dolcemente in caso di traffico.

Il ProPILOT con Navi-link può regolare accelerazione e frenata nella singola corsia in situazioni di traffico, rallentando la vettura fino a fermarla e facendola ripartire se l’arresto dura meno di 3 secondi, oltre ad adattare il veicolo in base ai segnali stradali e alla velocità impostata dal navigatore, ma anche regolandosi autonomamente nella percorrenza di curve o rampe autostradali.

Inoltre Qashqai è in grado di controllare gli angoli ciechi e può intervenire sullo sterzo per aiutare a prevenire il cambio di corsia se è presente un altro veicolo nella zona “buia”.

 

Altri aggiornamenti comprendono il sistema di “protezione fiancate” che avvisa il guidatore in città se c’è il rischio di urtare i lati del veicolo, come può accadere durante manovre in spazi stretti. Ovviamente può intervenire anche per evitare incidenti in retromarcia in uscita dai parcheggi, azionando i freni.

Dal punto di vista del comfort, lo schermo da 12,3 pollici, completamente digitale, spicca sul quadro strumenti, mentre il sistema di infotainment da 9 pollici si trova al centro della plancia ed è utile sia al guidatore che al passeggero. Durante il test drive, dalla città al mare, abbiamo attivato parecchie chicche tecnologiche tra cui anche la modalità massaggio, new entry e vera novità per un marchio generalista!

Nissan Qashqai elettrica: quando

Nissan Qashqai elettrica dunque? Non ancora, ma intanto Qashqai è la prima vettura  Nissan con sola gamma elettrificata: disponibili da subito il 1.3 mild hybrid 140 o 158 cv. Dal 2022 full hybrid. Non prevista invece la plug-in.

Come funziona Nissan Qashqai Mild Hybrid

Il midl hybrid di Nissan fornisce un sistema a 12 Volt che ha lo scopo di ampliare le fasi di spegnimento del termico ma anche fornire 6 Nm di spinta aggiuntiva tra 20 e i 110 km/h per un massimo di 20 secondi.

L’energia recuperata in fase di decelerazione (frenata rigenerativa) è immagazzinata nella batteria agli ioni di Litio e poi utilizzata per ottimizzare l’erogazione della coppia motrice in fase di ripartenza.

L’energia è utilizzata anche durante l’arresto per inerzia (Coasting) nelle versioni con Xtronic, dove, a velocità inferiori a 18 km/h e con il pedale del freno premuto, il motore termico si spegne e l’energia accumulata viene usata per alimentare l’impianto elettrico del veicolo. Questo permette di ridurre i consumi di carburante e le emissioni.

Questione cambio: è disponibile il manuale o l’xtronic. Quest’ultimo alle basse velocità si comporta come una variazione continua, alle alte velocità come un doppia frizione. Un vero concentrato di “tecnomeccanica“!

Curiosità

Come detto per la Qashqai elettrica, ossia full hybrid, ci sarà da aspettare fino il 2022. Per l’e-POWER l’unico motore a spingere le ruote sarà l’elettrico da 140 kW mentre il motore termico – un 3 cilindri 1.5 a rapporto di compressione variabile da 157 cv – provvederà unicamente a produrre l’energia elettrica necessaria. Curiosità: in Giappone è già su strada su modelli da 190 cv.